Reggio Calabria punta d'Italia
Calabria,  Italia

Reggio Calabria punta d’Italia, tra cultura arte e mare

Tre settimane di ferie, tre regioni italiane visitate. Non mi sono voluta perdere proprio nessun giorno e dopo aver passato una settimana in Sardegna, mi sono spostata a Reggio Calabria, nella punta d’Italia.

Reggio è il capoluogo di provincia della Calabria, riconosciuta come città metropolitana. Il cuore della città si sviluppa tutto vicino allo stretto di Messina, che la separa dall’isola solo di una decina di chilometri (tratto più corto). 

La città ha origini greche, di cui oggi rimangono pochi reperti, alcuni dei quali custoditi nel museo archeologico della città. Nello stesso museo sono esposti anche i famosi Bronzi di Riace

Nei secoli fu distrutta da diversi terremoti e il conglomerato urbano venne ricostruito e modificato più volte.

Tour della città

Durante la mia breve visita a Reggio Calabria, punta d’Italia, ho avuto modo di fare un city tour veloce, per avere un quadro complessivo della città. Le zone visitate sono abbastanza vicine. Per questione di tempo e per le alte temperature gli spostamenti sono avvenuti in macchina, però credo che il tour sia fattibile anche a piedi.

Il Castello Aragonese

L’appellativo “Aragonese” è probabilmente anacronistico. Sembra infatti che questa fortificazione risalga a ben 1000 anni prima della dominazione Aragonese. Per via della posizione, la città si dovette dotare di un sistema di difesa e di fortificazioni militari

Una parte del castello fu distrutta negli anni per poter realizzare il tessuto urbano antistante. Oggi rimane comunque il bastione principale ed è possibile entrarvi.

La cattedrale

Il Duomo di Reggio Calabria presente una facciata chiara, totalmente in stile barocco calabrese. E’ la chiesa più grande di tutta la Calabria. All’esterno, ai lati della scalinata d’ingresso, troviamo due statue che rappresentano San Paolo e Santo Stefano

Piazza Duomo

Antistante il duomo troviamo l’omonima piazza. Questa è una delle più grandi di Reggio. E’ a pianta quadrata. Prima del terremoto del 1908, che distrusse la città di Reggio Calabria, questa piazza era collocata un po’ più al nord ed orientata diversamente. Oggi è orientata seguendo il piano urbano del centro storico e dà verso corso Garibaldi.

Piazza Italia

Il nome ufficiale è Piazza Vittorio Emanuele II, conosciuta come Piazza Italia perché al centro si erge una statua di donna, che impersonificherebbe l’Italia. Fin dall’antichità quest’area fu considerata dai reggini come centro amministrativo. Anche oggi ricopre questo ruolo, sui suoi lati si affacciano infatti il Palazzo del Municipio, la Prefettura e il Palazzo della Provincia.

Piazza Garibaldi

E’ la piazza antistante la stazione dei treni. Intitolata a Giuseppe Garibaldi, di cui è possibile notare una statua in marmo bianco di Carrara. La piazza, di planimetria rettangolare, ha aiuole poste sui quattro lati. La piazza è per la maggior parte occupata da un parcheggio pubblico e per la restante funge da snodo per i trasporti urbani che servono la stazione.

Lungomare Falcomatà

Intitolato al sindaco di Reggio, Falcomatà, chiamato anche Lungomare Matteotti.

Si estende per più di un chilometro e per questo è spesso citato come “il più bel chilometro d’Italia”. L’appellativo non è affatto riduttivo. Il marciapiede è molto ampio per godersi una passeggiata con vista mare. Sul suo cammino si affacciano caratteristiche villette in stile liberty e reperti archeologici.

Mura greche

Sul lungomare Falcomatà è possibile scorgere un’area archeologica dove sono stati rinvenuti alcuni reperti risalenti all’epoca greca. Qui è infatti possibile vedere un tratto delle vecchia mura greche della città di Reggio, risalenti al IV secolo a.C.

Terme romane

Proseguendo sul lungomare vi imbatterete in un altro sito archeologico: le terme romane. Gli impianti termali di epoca romana comprendono frigidarium, calidarium, spogliatoi e vasche per la conservazione e la depurazione delle acque, tutti ben distinguibili. Noterete anche un meraviglioso pavimento di mosaico con tessere nere e bianche, in parte ancora intatto.

Arena dello Stretto

Percorrendo il lungomare Falcomatà vi troverete, ad un certo punto, nell’arena dello stretto. La sua struttura semicircolare e la scalinata in gradoni ricorda gli antichi teatri greci

La vista, che si apre sullo stretto, è interrotta da un monumento in marmo, al cui centro si trova una statua in bronzo. La statua raffigura Athena Promachos, impersonificazione della difesa della città.

Corso Vittorio Emanuele III

Parallelo al lungomare, si sviluppa corso Vittorio Emanuele III, abbellito dalle ville presenti lungo il suo tratto. Tra queste spicca, per i suoi colori accesi, Villa Genoese Zerbi. Per alcuni anni è stato sede di esposizioni e mostre gestite dal comune di Reggio.

Le statue di Rabarama

A dividere il lungomare dal corso Vittorio Emanuele III è presente un giardino, lungo il quale tra palme e pini, potete scorgere monumenti e statue. Tra quest’ultime sono presenti anche tre opere dell’artista italiana contemporanea Rabarama. Durante una mostra, ospitata nella vicina Villa Genoese Zerbi, l’artista espose queste tre statue, che per dimensione non entrarono nell’edificio e vennero collocate all’esterno. Le statue piacquero tanto ai reggini che il comune decise di acquistarle e di lasciarle lungo questo tratto. Per me si sposano alla perfezione con i colori e i luoghi in cui sono collocate.

In questo breve tour sulla punta d’Italia, sono riuscita ad apprezzare ed amare Reggio Calabria e ho capito che questa non è stata l’ultima mia visita in questa meravigliosa città dal potenziale enorme. 

11 commenti

  • paola

    Ho letto con grande piacere: non sono mai stata a Reggio Calabria e non ne conoscevo le potenzialità e le meraviglie. La mia conoscenza della Calabria si limita purtroppo a qualche città turistica della costa, come Tropea, dove sono stata moltissimi anni fa. Hai presentato Reggio Calabria con tutti gli onori che si merita.

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Grazie Paola! Poche ore mi sono bastate per vedere le cose principali, è una tappa super fattibile di intramezzo!

  • Veronica

    Passavo sempre di sfuggita da Reggio Calabria quando, da piccola, dovevo prendere il traghetto per la Sicilia. Era sempre una sosta obbligata per mangiare. Non mi sono mai fermata però ad ammirare le bellezze della città sfortunatamente, grazie per questo ricchissimo post.

      • Mimì

        Ma che bello! Sei stata nella città in cui sono nata e ho vissuto!

        Reggio Calabria ha tanto da dire e tanto da dare a chi vuole scoprirla, proprio come hai fatto tu! La amo, ma non solo perché ci sono nata!

        È una città che merita di essere visitata …

        Hai visto le opere di Rabarama che belle che sono? Sono cresciuta in loro compagnia, praticamente!

        Poco più là, c’è anche l’installazione dell’artista Edoardo Tresoldi, da nome Opera! Sei riuscita a vederla?

        Un abbraccio immenso! E grazie di essere stata a Reggio Calabria 🙏

        Mimì

  • Mimì

    Ma che bello! Sei stata nella città in cui sono nata e ho vissuto!

    Reggio Calabria ha tanto da dire e tanto da dare a chi vuole scoprirla, proprio come hai fatto tu! La amo, ma non solo perché ci sono nata!

    È una città che merita di essere visitata …

    Hai visto le opere di Rabarama che belle che sono? Sono cresciuta in loro compagnia, praticamente!

    Poco più là, c’è anche l’installazione dell’artista Edoardo Tresoldi, da nome Opera! Sei riuscita a vederla?

    Un abbraccio immenso! E grazie di essere stata a Reggio Calabria 🙏

    Mimì

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Ciao Mimì, no l'”Opera” non l’ho vista. Il tour è stato breve, non c’era molto tempo, ma intenso e da turista concordo pienamente sul fatto che sia una città che abbia molto da dare a chi vuole scoprirla. A me in poche ore ha dato moltissimo!

  • Annalisa Trevaligie-Travelblog

    Ho visto queste statue sulla tua gallery di instagram e ne sono rimasta davvero estasiata. Una forma d’arte che ben Si mescola all’atmosfera e all’architettura della città a mio parere. Deve essere davvero una città eclettica, da esplorare in modalità lenta.

  • Libera

    Mi piacerebbe molto visitare Reggio Calabria ma al momento ci sono stata solo di passaggio . Questi spunti che ci hai fornitori però sono un buon motivo per tornare .

  • valeria polverino

    Le sculture di Rabarama sono bellissime! Reggio Calabria per me è sempre stata una meta di passaggio, merita maggiore attenzione. Mi sono prefissata che entro la fine di quest’anno voglio visitare i Bronzi di Riace <3

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial