Salento tour di una settimana
Puglia,  Italia

Salento tour di una settimana

Salento, lu sole, lu mare, lu ientu…e i turisti! Questa estate il Salento è stato preso d’assalto dai turisti soprattutto italiani ma non solo. Ci siamo state anche noi e vi descriviamo il nostro itinerario in Salento, con tour di una settimana.

Giorno 1: Porto Selvaggio e Gallipoli

Il primo giorno ci siamo avventurati nella spiaggia di Porto Selvaggio. Non troppo lontana da dove alloggiavamo, abbiamo parcheggiato l’auto in uno dei diversi parcheggi che si trovano prima della pineta. Il costo è di 3€ per l’intera giornata. Dal parcheggio iniziano poi i sentieri per attraversare la pineta. Alcuni parcheggi sono forniti di navetta gratuita. La navetta non arriva proprio alla spiaggia, si ferma ad alcuni metri che dovranno essere fatti a piedi. Noi abbiamo optato per percorrere il sentiero a piedi e la scelta si è rivelata ottima. Il cammino è bellissimo, si scende verso la spiaggia, di fronte tutto il verde dato dai pini e in fondo uno scorcio di acqua di blu intenso. Un panorama mozzafiato che ci ha accompagnato per circa 15 minuti in discesa. 

La spiaggia di Porto Selvaggio è completamente rocciosa, distendersi è un po’ scomodo. Gli ombrelloni si fermano con grosse pietre che si trovano sulle rocce, è del resto l’unica alternativa per avere un po’ d’ombra. La spiaggia è dotata di un piccolo chiosco. Assolutamente uso di scarpette da scoglio per la balneazione, utili anche per camminare all’esterno. Il percorso in pineta è invece meglio affrontarlo con un paio di scarpe con la suola non liscia.

La sera abbiamo fatto cena e visitato il centro storico di Gallipoli. L’isolotto, dove si trova il castello e la parte più antica della città, era stracolmo di turisti e non ce lo siamo goduti appieno. Non è stata una città che ci ha colpito particolarmente, ma sicuramente con meno persone ha il suo fascino.

Giorno 2: Otranto 

Il secondo giorno abbiamo cambiato versante e mare, siamo andati nella parte più orientale di tutta Italia: Otranto. 

Abbiamo fatto tre tappe al mare. Precisamente abbiamo visitato la Grotta della Poesia, i Faraglioni di Sant’Andrea e la Baia dei Turchi. Per tutti i dettagli, vi rimandiamo al nostro articolo dedicato a questa giornata.

La sera ci siamo spostati nel centro storico di Otranto e passeggiato tra i suoi vicoletti. Abbiamo scelto di cenare da SoFish, piccolo localino di fishburger. La sera dopo cena godetevi una passeggiata lungo le mura e lungo mare. 

Giorno 3: Nardò e Lecce

Il terzo giorno in Salento nel tour di una settimana abbiamo voluto inserire la visita di una città. Abbiamo scelto Nardò, non distante dal nostro alloggio e consigliata per la ricchezza di architetture del barocco leccese

La visita della città impiega al massimo un paio d’ore. Non perdetevi Piazza Salandra, l’Osanna e il Castello Aragonese. Per maggiori informazioni vi rimandiamo al nostro articolo!

Giorno 4: Porto Cesareo e KilometroZero

Porto Cesareo è una delle tappe che non potete saltare se visitate il Salento. La spiaggia è piuttosto stretta ma molto lunga. Quando ci siamo stati noi era strapiena e si doveva camminare sopra i teli degli altri per potersi spostare o anche solo per raggiungere il mare. Un po’ scomodo e poco sicuro soprattutto in tempi di Covid-19. Per trovare un po’ di refrigerio e pace dopo pranzo ho preso il mio telo e mi sono spostata nella pineta, proprio alle spalle della spiaggia. Ogni tanto tornavo in spiaggia per rinfrescarmi in acqua. Il mare qua è per lo più basso, quindi è piacevole anche farsi delle lunghe passeggiate. Il fondale, così come la spiaggia, è sabbioso.

Controllate a che ora ci sarà il tramonto e cronometrate gli orologi per spostarvi al KilometroZero e godere di uno dei tramonti più belli della vostra vita. Qui il sole si trasforma in una palla di fuoco e piano piano scende in acqua riempiendo il cielo di colore rosso. Il tutto va accompagnato da uno spritz che potrete acquistare nell’unico chiosco presente in questa spiaggia.

Giorno 5: Castro e Punta della Suina

Per il quinto giorno del nostro tour in Salento di una settimana, ci siamo affidati alla compagnia Rosa dei Venti di Castro per effettuare un giro in barca sulla costa Adriatica e poter quindi “visitare” le grotte di questa parte. 

Il giro, della durata complessiva di circa tre ore, inizia nel porticciolo di Castro. Ci si ferma poi un paio di volte per dei tuffi e si vedono tre grotte: la Grotta Palombara, la Grotta Azzurra e la grotta Zinzulusa. A bordo lo skipper descrive i luoghi che si stanno per visitare e racconta piacevoli storie e leggende legate a questi scogli. Prima del rientro in porto viene poi offerto un abbondante aperitivo. 

La sera al rientro ci siamo fermati sulla spiaggia “sotto casa”: Punta della Suina. E’ una delle spiagge più conosciute, sia rocciosa, sia sabbiosa. Noi, armati di taralli e vino, ci siamo accomodati nella parte sabbiosa, sul bagno asciuga davanti lo stabilimento, per goderci un tramonto spettacolare.

Giorno 6: Santa Maria di Leuca

De finibus terrae, qui dove l’Adriatico e lo Ionio si dividono, nel punto più a sud del tacco d’Italia: Santa Maria di Leuca. 

Siamo saliti fino alla basilica per visitarla e per vedere le spiagge sottostanti dall’alto, per poi scendere in una di queste e rinfrescarci in acque di colore verde intenso. In questa zona le spiagge sono quasi tutte rocciose, quindi è consigliabile avere con se sempre le scarpe da scoglio. 

Giorno 7: Porto Badisco 

Una piccola spiaggia ai piedi di una scogliera, poco spazio per distendersi sulla sua morbida sabbia. Noi abbiamo trovato subito un’alternativa per goderci questa zona affittando delle canoe per un’ora. Un’ora intensa di sport acquatico ci ha portato a scoprire tutta la scogliera e calette di roccia inaspettate. Al rientro ci siamo goduti il tramonto rosa in spiaggia e poi siamo saliti allo Skafe per l’ora dell’aperitivo.

Il nostro tour in Salento finisce qua. E’ stato intenso ma pieno di emozioni. Abbiamo alternato spiagge di sabbia a quelle di roccia e abbiamo conciliato relax e sport, sempre senza farci mancare del buon cibo tipico!

[In copertina Porto Selvaggio – foto di Andriy Kormylo]

29 commenti

  • Lara Bradamilla

    Che male che mi fa questo articolo, sono anni che voglio andarci, ma avendo le ferie ad agosto è una meta che ho sempre scartato perchè presumo troppo caotica! Spero in un futuro di riuscire ad andarci in altri periodi!

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Ciao Lara, il mio tour è stato fatto ad agosto, precisamente l’ultima settimana di agosto. Beh si, effettivamente era ancora pieno, però i locali ci hanno detto che nelle settimane precedenti c’era molta più gente!

  • Paola

    La Puglia è una regione meravigliosa e fare un tour nel Salento è una vera benedizione. Non solo il mare, ma anche l’entroterra offre grandi meraviglie da vedere, vivere e gustare. In Puglia non sbagli mai.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial