roma low cost
Lazio,  Italia

Roma low cost: 5 cose da fare con poco budget

Ormai se ci conoscete sapete che per noi viaggio e low cost vanno quasi sempre insieme “a braccetto”. Ecco allora 5 consigli low cost su cosa fare a Roma con poco budget a disposizione per chi ci è già stato più volte.

Come è ben noto Roma non finisce mai di stupire e pur essendoci stata innumerevoli volte scopro sempre qualcosa di nuovo!

Ammirare il Mosè di Michelangelo (ingresso libero)

Roma è piena d’arte e una buona parte è accessibile gratuitamente trovandosi nelle sue piazze e all’interno delle sue chiese. La statua del Mosè di Michelangelo è tra queste. Si trova all’interno della chiesa di San Pietro in Vincoli, nel bellissimo quartiere di Monti a poca distanza dal Colosseo.  

Come suggerisce il nome, all’interno della chiesa è custodita la reliquia della catena con cui fu legato San Pietro. Personalmente non mi era mai capitato di ammirare il monumento funebre di Papa Giulio II, composizione scultorea dove si trova il Mosè. Di fronte a tanta bellezza non ci si può che emozionare. Non a caso il Vasari affermò che la sua barba fu scolpita con una tale perfezione da sembrare più “opera di pennello che di scalpello”. La colossale statua raffigura Mosè seduto con le Tavole della Legge sotto il braccio, mentre con l’altra si accarezza la barba arrabbiato contro gli israeliti intenti ad adorare una falsa divinità. La forza, la tensione e la rabbia che emana attraverso i suoi muscoli tesi si percepisce come se il marmo fosse vivo

L’ingresso alla chiesa è gratuito, per questo ho pensato di inserirla tra le 5 cose low cost da fare a Roma con poco budget a disposizione!  

Visitare i Musei Capitolini

Non so bene il perchè ma non avevo mai dato la giusta importanza ai Musei Capitolini, eppure è il museo pubblico più antico del mondo. Pur avendo ammirato diverse volte Piazza Campidoglio, non ero mai entrata all’interno dei musei. Seguendo il consiglio di mia cugina siamo andati a visitarli e non ci siamo assolutamente pentiti! 

Sono dei musei davvero immensi, preparatevi! Si sviluppano su diversi palazzi, partendo dalla corte interna con le sculture dell’Antica Roma, tra cui alcune parti del colosso di Costantino. Proseguendo, oltre all’arte antica come la statua equestre di Marco Aurelio e la Lupa Capitolina, potrete ammirare sculture più recenti come la testa di Medusa del Bernini, la pinacoteca con alcune opere di Caravaggio, un’importante collezione numismatica e un bellissimo affaccio sui fori imperiali. Questo ci ha davvero sorpreso e levato il fiato!

E’ consigliata la prenotazione e l’acquisto online del biglietto, ma non è obbligatorio. Il prezzo dell’ingresso ai Musei Capitoloni è di 11.50€.

Il belvedere al Gianicolo (ingresso libero)

E’ uno dei belvederi più famosi di Roma. Sulla cima di questo colle vi potrete divertire a riconoscere tutti i “cupoloni” di Roma e non solo. Con un tempo limpido la vista sarà libera di spaziare su gran parte della capitale. A breve distanza molto bella anche la fontana dell’Acqua Paola.

Non vi perdete un tuffo nella Repubblica romana del 1849 e nel Risorgimento italiano con la statua di Garibaldi e i busti dei garibaldini illustri passeggiando nei viali alberati. Attenzione se ci andate a mezzogiorno. Mentre ci stavamo allontanando abbiamo sentito un forte colpo. Neanche a dirlo ci ha preso un infarto, sembrava quasi un’esplosione. Guardandoci attorno eravamo però gli unici allarmati. Un signore, guardando le nostre facce, ci ha subito tranquillizzato informandoci che ogni giorno a quell’ora spara una cannonata! Dal 1904 infatti  alle ore 12 in punto ogni giorno si spara un colpo di cannone. Una tradizione che ha origine nell’Ottocento con lo Stato della Chiesa per scandire l’orario. 

Cenare all’ex ghetto ebraico provando la cucina kosher

Non vi nego che spesso quando visito grandi città scelgo cucina etnica che magari non troverei ad Ancona, ma questa volta ho scelto di provare una cucina tipica, la cucina giudaico-romanesca al ghetto ebraico

Ho sempre sentito parlare della cucina kosher, ma non l’avevo mai provata. Ci sono diverse “regole” tra cui quella di non mangiare alcuni tipi di carne e non mischiare all’interno dello stesso piatto i latticini con la carne. Per questo ho provato una carbonara diversa dal solito, con al posto del guanciale la loro carne secca e al posto del pecorino un formaggio vegano. Altri piatti tipici sono l’humus, il cous cous e il carciofo alla giudia. Ho trovato tutti i piatti molto buoni a prezzi accessibili. 

Se decidete di provare la cucina kosher ricordatevi di rispettare le festività ebraiche: tali ristoranti saranno chiusi il venerdì a cena e il sabato a pranzo per rispettare lo shabbat. Noi abbiamo prenotato per il sabato sera e non era possibile prima delle 21.30. Pensavo fosse per via dei turni, invece era il primo orario disponibile dopo il tramonto. Una volta arrivati il ristorante stava sistemando i tavoli, perché aveva appena aperto e tutti i clienti attendevano il loro turno per sedersi. Vi consiglio, se potete, di andarci il sabato sera, perché c’è una bella atmosfera con parte della comunità ebraica presente. 

Passeggiare nel parco di Villa Doria Pamphilj (ingresso libero)

Una bellissima passeggiata immersi nel verde del parco di Villa Doria Pamphilj, uno dei più grandi di Roma. Con i suoi 184 ettari è il terzo più grande, scegliete quindi bene l’ingresso dove entrare a seconda di che zona volete visitare. Divertitevi a scovare statue, grotte e decorazioni all’interno del parco. Ammirate da fuori la piccola chiesetta e salite l’imponente scalinata per ammirare il Casino del Bel Respiro dall’alto. Meraviglioso il suo giardino di siepi a “labirinto”. Un momento di relax e magari, un bel picnic nel verde! 

L’ingresso al parco è libero, per questo trovo che sia una bellissima passeggiata da fare a Roma tra le 5 cose low cost che vi consigliamo per chi già ci è stato.  

Infine un ultimo consiglio. Alcuni di questi luoghi non sono raggiungibili in metro, se non vi spaventa il traffico di Roma potete pensare anche di prendere un car sharing con una delle compagnie presenti nella capitale! 

8 commenti

  • Ilaria Miegge

    Pur vivendo a Roma ci sono alcune cose che ancora non ho fatto! Dovrei sicuramente rivalutare i Musei Capitolini, a cui non so perché non ho mai dato una chance di emozionarmi. E devo ancora andare al parco di Villa Doria Pamphilij, grazie per avermelo ricordato!

  • Teresa Scarselli

    Articolo utilissimo, anche perché la cultura… costa! Succede spesso, in viaggio, di visitare i musei più iconici e popolari, ovviamente a pagamento, tralasciando esperienze altrettanto gratificanti, magari gratuite o a basso costo. Anche i musei sono un brand, oramai, e visitare il tal museo è una sorta di status symbol, tra i turisti culturali. Terrò a mente i tuoi suggerimenti!

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      E’ vero talvolta associamo il gratuito a qualcosa di livello inferiore o comunque abbiamo in testa l’idea che più costi un’attività più sia bella, ma non sempre è così!

  • Patrizia

    I Musei Capitolini sono assolutamente da vedere! Ci sono rimasta per ore lì dentro e non volevo più uscire! Invece, delle cose da te descritte, mi manca la cena kosher. Sono molto incuriosita, ma nei miei viaggi a Roma, non sono mai riuscita ad incastrarla!

  • Valentina

    Stavo proprio pensando di tornare a Roma, innanzitutto per mangiarmi una cacio e pepe e poi sicuramente per visitare posti nuovi! Non sono mai stata ai Musei Capitolini e al parco di Villa Doria Pamphilj e ti ringrazio per i consigli, anche perché io cerco sempre di viaggiare low cost quindi sono entrambi perfetti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial