adrenalina basilicata
Basilicata,  Italia

Adrenalina in Basilicata: Volo dell’Angelo e Ponte della Luna

Prima di visitare la Basilicata non ero a conoscenza avesse anche un lato avventuroso, chi adora avere l’adrenalina in circolo non può perdersi il Volo dell’Angelo e il Ponte della Luna

Volo dell’Angelo tra Castelmezzano e Pietrapertosa   

Siete mai arrivati in un paese in volo? Ecco, con il Volo dell’Angelo lo potrete fare. Sono partita in volo – con l’adrenalina a mille – da un borgo della Basilicata, arrivata in un altro e ripartita sempre in volo dopo averlo visitato. Come dire, senz’altro una visita alternativa! 

Nel cuore della Basilicata si sorvoleranno le Dolomiti Lucane attraverso un cavo di acciaio che collega i due paesi di Castelmezzano e Pietrapertosa. Un’emozione unica, sentirsi liberi di volare, seppur imbragati e in piena sicurezza! Le sensazioni che si provano, per certi versi contrastanti, sono difficili da descrivere. Si possono provare solo sulla propria pelle. Un sentirsi tu per tu con il mondo circostante, un respirare libertà a pieni polmoni sospesi tra cielo e terra

L’esperienza del Volo dell’Angelo consiste in un volo andata e ritorno su due linee differenti lunghe poco meno di 1,5 Km dove si toccano i 120 Km/h. Ogni tratta dura poco più di un minuto, ma durante il volo la concezione del tempo è diversa, non ce se ne accorge. 

Il momento peggiore? Per me l’arrivo! Si arriva ad una velocità tale che sembra quasi di schiantarsi! Personalmente ho iniziato da Castelmezzano e sono contenta di averlo fatto (scelta puramente casuale, eh!). Trovo che il tratto Castelmezzano-Pietrapertosa sia il più adrenalinico, leva davvero il fiato! Vi consiglio di iniziare da questa stazione, anche perchè così vi levate subito la nota dolente del sentiero di una mezz’ora in salita! Proprio alla fine di questo tratto è possibile per chi vuole acquistare una o più fotografie dell’esperienza (5€ per una foto e 8€ per quattro).

Almeno un’ora prima dell’esperienza del Volo dell’Angelo dovrete essere in biglietteria dove vi peseranno e vi daranno tutte le informazioni necessarie. Una volta preso il biglietto, se partirete da Castelmezzano, dovrete andare alla fermata della navetta che vi condurrà all’inizio del sentiero. Una volta percorso un sentiero di una mezz’ora – semplice ma molto ripido – arriverete alla stazione di partenza. Non è possibile fare il volo in canottiera, quindi in caso ricordatevi una giacchina. E’ consigliato l’uso di occhiali, soprattutto per chi indossa lenti a contatto, in quanto l’alta velocità raggiunta provoca lacrimazione (tranquilli non cadranno per via del caschetto!). E’ possibile inoltre portare uno zainetto con se.  

Tra un volo e l’altro avrete modo di visitare Pietrapertosa e Castelmezzano: due gioielli, non a caso sono entrambi tra i Borghi più belli di Italia. Perdetevi tra i loro vicoli e casette in pietra incastonate tra le rocce delle Dolomiti Lucane. In particolare, stupenda la vista panoramica dalla piazza Caizzo di Castelmezzano.  

Il prezzo dell’esperienza andata e ritorno varia a seconda del periodo: passa dai 35€ a 42€. E’ consigliato, in alta stagione obbligatorio, prenotare in anticipo il biglietto – indicando oltre al giorno anche l’orario di partenza e ritorno e da quale borgo si desidera partire – tramite il sito ufficiale Volo dell’Angelo. E’ possibile anche condividere il volo in coppia se si rispettano alcune limitazioni di peso. 

Ponte tibetano della Luna

Siete mai saliti su un ponte tibetano? A Sasso di Castalda ne troverete ben due! Sinceramente prima di andare in Basilicata neanche sapevo esistessero ponti tibetani in Italia così lunghi e neanche sapevo si provasse così tanta adrenalina a percorrerne uno!   

Sasso di Castalda, si trova in provincia di Potenza, ed è un piccolo borgo di montagna con neanche 1000 abitanti. Una volta arrivati non sarà un problema trovare un parcheggio gratuito poco fuori dal centro storico e muoversi poi a piedi. Prima di andare al punto di partenza del primo ponte bisogna passare in biglietteria, dove sono presenti dei servizi igienici.

L’esperienza – dura circa un’ora e mezza – consiste nell’attraversare due ponti tibetani, il Ponte Petracca (lunghezza 93 m a circa 30 m di altezza) e il Ponte della Luna (lunghezza 300 m a circa 102 m di altezza). Il punto di inizio è lo stesso per entrambi: si inizia percorrendo il Ponte Petracca, si continua poi lungo un sentiero in salita per raggiungere l’imbocco del Ponte della Luna con cui si arriva ai ruderi della Rocca Medievale. L’arrivo del Ponte della Luna è contraddistinto da uno sky-walk in vetro ovvero una magnifica terrazza panoramica. Si può poi ritornare al centro storico di Sasso di Castalda scendendo una scalinata in pietra.

L’attraversamento dei due ponti è in sicurezza, in quanto vi forniranno l’attrezzatura necessaria quali l’imbracatura e i doppi moschettoni. Se cambiate idea dopo aver percorso il primo ponte (come la sottoscritta!) si può lasciare l’attrezzatura e tornare indietro nel centro storico con un classico ponte. Già solo percorrere il primo ponte tibetano è emozionante e sarà una sorta di allenamento al secondo molto più lungo ed alto. Essendo un ponte tibetano percepirete ogni folata di vento e il vostro stesso movimento si rifletterà sull’oscillamento del ponte stesso.

Personalmente non me la sono sentita di percorrere il secondo, troppo lungo, già non mi sentivo più le braccia a forza di tenermi forte per attraversare il primo! Da sottolineare che tenersi forte con le braccia non serve a niente è solo dettato dalla paura! Comunque sia vi consiglio di provarlo almeno il primo ponte e poi vedete come va, se vi sentite di continuare con il Ponte della Luna o meno. Tenete conto che percorrerete il ponte tibetano a passerella d’assi a campata libera più alto e lungo del Mondo!

Assolutamente necessario avere delle calzature adatte, scarpe da trekking o tennis che sia con una suola non liscia. Entrambi i due ponti sono a passerella d’assi con funi di acciaio e gradini in metallo grigliato. 

Per quanto riguarda eventuali prenotazioni controllate sul sito sia per via delle restrizioni covid-19 sia per gli orari che cambiano tra estate ed inverno. Il prezzo del biglietto è di 15€ a persona comprensivo dell’attrezzatura necessaria per percorrere i due ponti. 

Il Ponte della Luna è senz’altro un nome che colpisce, ma sapete il perché di tale nome? 

E’ dedicato a Rocco Petrone, figlio di due sassesi emigrati negli states che lavorò per la NASA e divenne il direttore dell’operazione di lancio del John F. Kennedy Space Center.

« La via che conduce alla Luna è pavimentata di mattoni, di acciaio e calcestruzzo qui, sulla Terra, e non può essere percorsa senza il rigoroso e meno noto lavoro di integrazione e collaudo delle attrezzature di lancio»

Adrenalina in Basilicata: come risparmiare

Trovandosi in Basilicata e volendo provare l’adrenalina di entrambe le esperienze si può scegliere di comprare un biglietto unico tramite il sito di Cavo Experience. Esiste un biglietto convenzionato non solo tra il Volo dell’Angelo e il Ponte della Luna, ma anche per le Grotte di Pertosa-Auletta. Si può scegliere la combinazione di due o più esperienze con validità di un anno per poi provarle. Una volta acquistato il biglietto si deve poi contattare la singola struttura per accordarsi sulla scelta dell’orario e del giorno. Noi abbiamo scelto l’opzione Volo dell’Angelo+Ponte della Luna al prezzo complessivo di 45€ risparmiando con tale convenzione 12€ a persona

Non soffro di vertigini, ma non amo neanche le altezze. In entrambe queste due esperienze ci si mette alla prova in un certo senso e bisogna calibrare bene se volerle fare o meno. In particolare il Volo dell’Angelo lo vedo più alla portata di mano. Anche se più spaventoso a prima vista alla fin dei conti non si deve far niente se non stare immobili! Al contrario il Ponte della Luna di per sé obbliga in un certo senso a guardar di sotto mentre si attraversa per vedere dove posizionare il piede sul gradino e dura per maggior tempo. Ecco, per chi ha paura delle altezze, questa esperienza invece non la consiglierei. Pur non avendo proseguito con il secondo ponte mi è piaciuto provare il primo, un’esperienza quasi unica da provare almeno una volta!

18 commenti

  • Valentina

    Avevo sentito parlare del volo dell’angelo, ma non del ponte tibetano. Non sono mai stata in Basilicata, ma nel caso mi trovassi in questa regione, credo proprio che non mancherei di attraversare il Ponte Petrarca, come hai fatto tu. E forse anche quello della luna, nonostante l’altezza.
    Per il volo dell’angelo, invece, non so se me la sentirei…
    Grazie intanto per queste info 🙂

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      I ponti tibetani di Sasso di Castalda sono meno conosciuti di solito rispetto al volo dell’Angelo. Sono tutte esperienze molto particolari ed è giusto che ognuno faccia ciò che si sente di fare 😊

      • Monica

        Anche io avevo già sentito parlare del Volo dell’Angelo proprio in occasione di una vacanza in Basilicata. All’epoca solo il pensiero mi terrorizzava! Tornassi oggi probabilmente troverei il coraggio e lo farei! Penso sia un’esperienza magnifica!

      • Rossella

        La mia amica che abita in zona mi ha parlato del nuovo ponte tibetano appena inaugurato, conoscendo la mia fifa causa vertigini, ma anche la mia voglia di infrangere queste paure e di buttarmi comunque in attività (spericolate) come queste. Per il volo dell’angelo invece devo dire che qualche timore in più l’avrei: 120 km/h sono davvero tanti!!

  • Sylvié

    Pazzesco!! che esperienza incredibile che dev’essere. Io la farei. Il volo d’angelo mi attira parecchio anche se sinceramente non credevo potesse prendere una velocità simile. Il ponte tibetano invece mi frena un pochino, dopo aver visto lo spazi che intercorre tra un passo e l’altro. Non soffro di vertigini ma forse sarebbe troppo ahahah

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Neanche io soffro di vertigini, ma le gambe mi sono tremate sul ponte! Puoi sempre provare a fare il primo ponte e vedere come va!

  • anna

    Io sono una fifona, lo ammetto. Sono stata a Pietrapertosa e Castelmezzano ma ho scelto il percorso di trekking a piedi… troppo terrorizzata per fare il volo dell’angelo.

  • Alessia

    Che figata il volo dell’angelo! Io l’ho fatto all’Arcansel di Frassinetto, in provincia di Torino, ma anche questo in Basilicata sembra davvero super anche solo per i paesaggi mozzafiato!

  • Marina

    Nonostante io sia l’antisportività fatta persona queste esperienze estreme (ma in sicurezza) mi tentano e non poco! Ogni volta che scendo in Calabria e passiamo in autostrada sfogliando la guida dell’Autostrada del Mare mi viene voglia di esplorare questi territori. Chissà che non convinco il mio compagno a fare una tappa intermedia questa volta!

  • Marina

    Conoscevo il Volo dell’Angelo e mi piacerebbe tanto provarlo, ma non penso riuscirò mai a superare la paura!! Eppure deve essere davvero stupendo farlo…. I ponti tibetani di Sasso di Castalda non so perchè penso riuscirei ad attraversarli, vai a capire!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial