Friuli Venezia Giulia,  Italia

Cosa visitare nei dintorni di Trieste: la Grotta Gigante, il Castello di Miramare e Risiera di San Sabba

Se vi trovate a Trieste e dopo aver ammirato il suo bellissimo centro storico vi state chiedendo cosa poter visitare nei suoi dintorni ecco i nostri suggerimenti: l’affascinante Castello di Miramare, la spettacolare Grotta Gigante e la simbolica Risiera di San Sabba

Visitare il Castello di Miramare

Castello e vista mare, che volere di più? 

Senz’altro uno dei più bei castelli che abbia mai visto. Candido e delicato, leggiadro sopra il mare. È edificato proprio sopra una scoglio: da ogni apertura si ammira il mare e i suoi balconi si affacciano sopra esso. Per chi ama il mare è impossibile non innamorarsi di un luogo così.

Fu costruito per volere dell’arciduca Massimiliano D’Asburgo e sua moglie Carlotta del Belgio. Si trova all’interno di un enorme parco ad ingresso libero. Camminate al suo interno ammirando i laghetti, le serre del tempo, il Castelletto (dimora per gli ospiti). Potrete così ammirare il Castello di Miramare da lontano in tutto il suo splendore. Ci sono due punti in particolare che vi consiglio: uno in fondo al piccolo molo poco sotto al castello (dove si trova la piccola sfinge) e uno all’interno del parco, poco sotto la cappella di San Canciano in un affaccio sul mare con alcuni cannoni. 

La visita al castello è a pagamento. Il biglietto costa 10€ ed è possibile visitarlo tutti i giorni dalle 9 alle 19. Se avete acquistato la FVG Card l’ingresso è gratuito

La visita agli interni del Castello di Miramare è un must da non perdersi tra cosa visitare nei dintorni di Trieste. Al piano terra potrete visitare gli appartamenti di Massimiliano e Carlotta. In particolare mi ha colpito l’area dell’arciduca, legato alla marina austriaca, ed arredato come fosse all’interno di una nave. Al primo piano si trova la bellissima sala del trono, mai utilizzata, e una parte del castello modificata negli anni Trenta dal Duca di Aosta. 

Il Castello di Miramare è legato ad una tragica storia. L’arciduca Massimiliano e sua moglie Carlotta non si godettero molto la loro residenza in quanto, quando ancora si doveva completare il primo piano (in parte mai visto dai proprietari), Massimiliano d’Asburgo venne incoronato imperatore del Messico e partì alla volta del Nuovo Continente con la prorpia consorte. Proprio qua invece che il potere e la gloria trovò la morte, fucilato a seguito di una rivolta. La moglie Carlotta impazzì dal dolore e finì i suoi giorni in un castello in Belgio. La principesca residenza fu disabitata per decine di anni fino al 1931 quando il duca Amedeo di Savoia-Aosta si stabilì con la sua famiglia apportando notevoli modifiche interne a parte del castello in stile razionalista e art déco

Se come noi arrivate in auto potete decidere di parcheggiare a pagamento all’interno o farvi una bella passeggiata lungo mare e lasciare l’auto prima nei posti gratuiti lungo il Viale Miramare. 

Visitare la Grotta Gigante

Per noi marchigiani quando si parla di grotte non si può che pensare alle nostre Grotte di Frasassi, ma lungo la penisola italiana sono disseminate altre meraviglie sotterranee.

Se siete affascinati dalle meraviglie del sottosuolo non potete perdervi la Grotta Gigante, a pochi chilometri di distanza da Trieste. Questa cavità sotterranea si trova nella frazione di Borgo Grotta a Sgonico, a circa 20 minuti di auto dal capoluogo del FVG. Vista la vicinanza con Trieste è una perfetta meta se state cercando cosa visitare nei suoi dintorni.

Prima della visita guidata è possibile visitare il museo speleologico, il primo in Italia inaugurato nel 1963. E’ possibile ammirare reperti di varie epoche ritrovati nelle vicinanze, ma anche saperne di più sulle ricerche scientifiche svolte all’interno della Grotta Gigante. All’interno della cavità è presente una stazione di rilevamento sismico e uno relativo alle “maree terrestri”. Sinceramente è stato molto interessante scoprire che la Luna influisca non solo con le maree del mare, ma anche rispetto alla crosta terrestre. All’interno della grotta sono presenti due pendoli giganti ricoperti proprio per studiare questo fenomeno. 

Infine qualche consiglio pratico sulla visita. La prenotazione è obbligatoria e si può fare attraverso il sito ufficiale della Grotta Gigante. Il prezzo del biglietto è di 13€. Se invece, come noi, siete in possesso della FVG Card l’ingresso è gratuito e la prenotazione dovrà essere telefonica. La visita turistica dura poco più di un’ora. Per visitare la Grotta Gigante si dovranno scendere circa 500 gradini e tanti altri si faranno in salita all’uscita. Chiaramente è un ambiente umido e in alcuni tratti possono essere scivolosi, sono fortemente consigliate scarpe comode da tennis o trekking. A tale profondità non esistono “stagioni” vi è una temperatura costante per tutto l’anno di circa 11°gradi. Ricordatevi la felpa! 

Visitare la Risiera di San Sabba 

La Risiera di San Sabba è un luogo fondamentale da visitare per comprendere il nostro passato. Fu l’unico campo di prigionia in Italia con in funzione un forno crematorio

Spesso associamo l’idea dei campi di concentramento alla Germania o alla Polonia, ma anche in Italia ne era presente uno. Nello specifico era più destinato ai prigionieri politici e partigiani, al transito di molti ebrei deportati e al deposito dei lori beni sequestrati. Poco prima di abbandonare il campo i nazisti hanno cercato di distruggere le prove dei loro crimini, in primis facendo saltare in aria il forno crematorio. Nel 1965 la Risiera di San Sabba fu dichiarata prima Monumento Nazionale e successivamente nel 1975 divenne Civico Museo. Dal 2002 è divenuto un luogo di conservazione della memoria con all’interno testimonianze di quanto accaduto. Nella Risiera di San Sabba è possibile visitare alcune celle e locali del campo di prigionia e il museo al suo interno. 

Come suggerisce il nome la Risiera di San Sabba è nata come stabilimento per la lavorazione del riso edificato ad inizio Novecento e trasformato nel corso della II Guerra Mondiale in campo di prigionia. 

In realtà non si trova nei dintorni del capoluogo del FVG, ma proprio nella sua periferia. Ho scelto di inserire la Risieria di San Sabba nell’itinerario di cosa visitare nei dintorni di Trieste, poiché di solito non si tende ad inserirlo tra i luoghi da vedere trovandosi fuori dal centro storico. 

La visita è libera e gratuita, tutti i giorni dalle 9 alle 19.  

Con la normativa odierna è obbligatorio il Green Pass per visitare tutte le attività sopra dette: Castello Miramare, Grotta Gigante e Risiera di San Sabba.

Articolo in collaborazione con PromoTurismoFVG 

22 commenti

  • Valentina

    Sono stata a Trieste tanti anni fa ma mi piacerebbe tanto tornarci! Sono stata al Castello di Miramare e alle Risiere di San Sabba (una visita straziante…), ma non conoscevo la Grotta Gigante. Grazie del consiglio!

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Sono tre visite molto diverse tra loro ognuna unica a modo suo, San Sabba colpisce al cuore in quanto spesso associamo i campi alla Polonia e alla Germania, invece atrocità sono state commesse anche in Italia

  • Eliana

    É una vita che volgio andare a Trieste, letteralmente una vita! Ci ho provato due anni fa e niente, ci ho provato l’anno scorso e niente, forse se non ci provo quest’anno alla fine ci finisco, che ne dite? Conosco tutti e tre i luoghi e vorrei vederli dedicando loro e alla città almeno 5 giorni, che ne dite?

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Non c’è due senza tre devi ritentare Eliana! Trieste ci è piaciuta davvero molto e ha tanto da offrire, se hai intenzione di visitare tutti i musei presenti in città e queste 3 mete nei dintorni 5 giorni vanno bene 😊

  • Veronica

    Trieste è nella mia lista da un po’, proprio per via del Castello di Miramare di cui la storia mi ha sempre intrigata. Non mi ero informata su altro ma adesso ho ancora più voglia di visitare questa città ed esplorarne anche i dintorni!

  • Teresa Scarselli

    Conosco bene Trieste e i suoi dintorni, ma ti ringrazio perché della Risiera di san Sabba non avevo mai sentito parlare. Non è menzionata nelle guide cartacee, nei blog di destinazione. Assolutamente da conoscere e visitare, lo farò nel mio prossimo viaggio a Trieste.

  • Libera

    È da tanto che vorrei visitare i dintorni di Trieste e questo articolo , lo ammetto , capita davvero a pennello. Penso sia uno degli angoli più belli d’Italia .

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Ogni volta che vado a Trieste mi colpisce sempre di più! Concordo con te Libera sul fatto che sia una delle zone più belle d’Italia

  • Alessandra

    Sono stata due volte a Trieste e sempre con molto piacere. La città e i dintorni hanno tanto da offrire a livello turistico. Ho visitato sia il Castello di Miramare che la Risiera… Mi manca la Grotta Gigante… è un’ottima idea x il prossimo giro a Trieste!! Grazie🥰

  • Ilenia

    Ho visitato il Castello un paio di anni fa; bellissimo, così come il suo giardino. Non conoscevo affatto le altre due mete; ne terrò presente quando tornerò a Trieste per scoprire in modo più approfondito le sue bellezze

  • Marina

    Trieste è una bellissima città e anche i dintorni non sono da meno. Ho visitato in tempi diversi (e già diversi anni fa) sia il Castello di Miramare che la Grotta Gigante, mentre in anni più recenti ho visitato la Risiera di San Sabba con conseguente pugno nello stomaco per l’orrore che vi si consumò

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial