Sardegna: 7 spiagge in 7 giorni
Sardegna,  Italia

Sardegna: 7 spiagge in 7 giorni

Questa estate è stata per noi l’estate italiana per eccellenza! Dopo la Puglia e la Basilicata, abbiamo deciso di visitare anche un’isola. Abbiamo scelto la Sardegna per goderci belle spiagge e mare cristallino. Questo il nostro programma della Sardegna con 7 spiagge in 7 giorni!

Giorno 1: La Sciumara

Parte da Palau il nostro tour di 7 spiagge in 7 giorni in Sardegna. Come posizione la cittadina di Palau è ottima per visitare la costa nord-est sarda. Inoltre la cittadina, oltre al porto, ospita anche la spiaggia della Sciumara. Ampi spazi, sabbia fine dorata e mare limpido. Un bell’inizio e un primo bagno in super relax al tramonto!

Giorno 2: Li Mucchj Bianchi

Un paradiso per gli occhi a pochi chilometri da Baja Sardinia. Io azzarderei nel dire che è la miglior spiaggia visitata in questa vacanza. Sabbia finissima e super bianca, da qui penso derivi il nome Li Mucchj Bianchi. Per non parlare del mare trasparente, con fondale sabbioso e tutto intorno a costeggiare la caletta, scogli rocciosi. L’acqua è per il primo tratto abbastanza bassa, fino ad una decina di metri un adulto tocca ancora il fondo, poi si alza. Molto adatta anche a bambini. Unico difetto: la spiaggia è molto stretta e corta, arrivare tardi significherebbe non trovare posto. A lato del tratto di spiaggia libera c’è un piccolo stabilimento ma anche questo ha pochi ombrelloni sulla spiaggia, la maggior parte sono sul prato del giardino del bar. 

Giorno 3: Arcipelago de La Maddalena

Il terzo giorno siamo partiti da Palau con una barca privata e skipper per visitare l’arcipelago de La Maddalena. Durante la giornata abbiamo fatto tre soste bagno in tre diverse spiagge.

La prima sosta è stata Cala Corsara, nell’isola di Spargi. L’isola è disabitata ed è totalmente selvaggia. La vegetazione di un verde intenso si contrappone al chiaro della sabbia e dell’acqua, sembra di stare in una piscina!

La seconda tappa l’abbiamo fatta in quelle che sono note come “Le Piscine Naturali”. Beh, già il nome dovrebbe farvi immaginare come sia l’acqua in questo posto. Fanno parte dell’isola di Budelli, famosa per la Spiaggia Rosa (dal 1992 non più visitabile!).

La terza e ultima tappa è stata sull’isola di Santa Maria, unica isola, dopo La Maddalena, ad essere abitata. Dalla spiaggia infatti si notano ingressi e di abitazioni private e si scorge la vista di qualche villetta. La spiaggia di Santa Maria, a differenza delle altre due, ce la siamo goduta di meno poiché molto affollata.

Giorno 4: Rena Bianca

La spiaggia di Rena Bianca si trova a Santa Teresa di Gallura. La spiaggia è abbastanza grande ma sempre piena di turisti che fanno a gara per accaparrarsi i posti migliori. Se arrivate tardi, troverete comunque un posticino nella “parte alta” della spiaggia, più vicina al bar. Questa spiaggia dispone anche di una doccia di acqua dolce gratuita, molto utile per rinfrescarsi se non volete farvi un tuffo. Anche se non tuffarsi è davvero uno spreco! Anche qui potrete bagnarvi in un’acqua cristallina.

Tutto intorno la roccia, con un percorso tracciato da marciapiede e staccionata che potete intraprendere per scoprire favolose insenature naturali dove farvi un bagno in assoluta privacy e tranquillità. Ovviamente affrontate il percorso in orari non di sole caldo, poiché non troverete nessun albero a farvi ombra. Noi ci siamo innamorati di queste rocce e abbiamo passato qui parecchie ore del pomeriggio. Ah, scarpette da scoglio super consigliate e fondamentali per scendere in acqua.

Giorno 5: Capriccioli

Nella località omonima, Capriccioli, troverete due spiagge, Capriccioli Ovest e Capriccioli Est. Le due spiagge sono poco distanti l’una dall’altra e potrete spostarvi a piedi per visitarle entrambe. Capriccioli Ovest dispone di stabilimento balneare e un tratto di spiaggia libera. Capriccioli Est è completamente libera e priva di qualsiasi tipo di servizio. La spiaggia di Capriccioli Est è poi divisa in due tratti da una scogliera attraversabile. Noi ci siamo appostati sul lato Est, per godere anche della scogliera e fare un po’ di snorkeling a bordo roccia. Nei giorni di forte vento preferite Capriccioli Ovest, più riparata. A Capriccioli Est, esposta al mare aperto, potreste trovare il bagnoasciuga pieno di alghe. 

Giorno 6: Marmorata

La Marmorata è una spiaggia di sabbia che si trova di fronte l’omonima isoletta. La spiaggia è molto grande, sia la parte libera che la parte attrezzata, dove troverete due stabilimenti. E’ una spiaggia comoda soprattutto per i servizi dal bagno e bar a affitto canoe, sup e giochi gonfiabili per bambini. E’ l’unica spiaggia, tra quelle viste, dove è stato sfruttato di più il fattore turisti. Questo però non le toglie fascino e prestigio. Acqua bassa fino a largo, comoda per famiglie e per fare lunghe passeggiate a mollo nelle ore più calde.

Giorno 7: Porto Pollo

La spiaggia di Porto Pollo la consiglierei agli amanti del vento e di tutti gli sport ad esso collegati. E’ la spiaggia del windsurf in assoluto. Pienissima di giovani e con bar sempre pronti a far musica e far festa. Se volete iniziare a cimentarvi nel windsurf, questa è la spiaggia che fa per voi. Sempre ventilata e ampia! Ma attenzione! E’ pur sempre sabbia. Quindi se preferite stare distesi a prendere il sole non è il luogo migliore da scegliere.

Straconsigliata invece per gli aperitivi. Da qui godrete di panorami mozzafiato con il sole al tramonto che potete accompagnare ad una bevuta, presa al Rupi’s bar, con sottofondo di musica e dj set live. 

Il nostro itinerario della Sardegna 7 spiagge in 7 giorni finisce qua. Ovviamente l’isola è pienissima di spiagge e calette, ma in pochi giorni abbiamo dovuto, ahinoi, fare una scelta!

14 commenti

  • Valentina

    Immagino che la tua estate, quindi, sia stata semplicemente meravigliosa! Prima la Puglia, poi la Basilicata e infine la Sardegna, wow! Tre regioni che mi auguro di visitare presto. In Sardegna sono stata cinque anni fa, ma solamente per tre giorni (sono stata a Teulada, nella parte sud-ovest dell’isola), l’acqua era meravigliosa, proprio come quella immortalata nelle tue foto. Mi piacerebbe molto fare un tour on the road dell’isola, magari concentrandomi una prima volta nella parte nord come hai fatto tu.

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      La Sardegna è molto bella ma richiede anche molto tempo. I collegamenti tra le città sono strade uniche e a lenta percorrenza, sia per il traffico (soprattutto d’estate) sia per le curve!

  • Veronica

    La Sardegna è uno di quei posti che non stanca mai perché ci sono sempre così tante spiagge da vedere e luoghi magici da visitare. Se riesco ritorno almeno una volta l’anno, per pochi giorni ma cerco di vedere sempre zone diverse, prima la zona di Palau, poi Santo Stefano e per ultima Baja Sardinia. Come farei ora un bagno in quest’acqua trasparente!

  • ANTONELLA MAIOCCHI

    Un bel concentrato di meraviglia in soli sette giorni! La Sardegna, inutile dirlo, ha un mare che lascia senza parole. Il mio podio personale? Le piscine nell’arcipelago di Maddalena (barche e gommoni a parte), Capriccioli (lato est) sempre affascinante e poi senza dubbio Rena Bianca.

  • Paola

    Ora che ho un bambino piccolo sto iniziando ad apprezzare le vacanze più tranquille con tappe più lunghe per cui vi ammiro un sacco per questo giro di 7 spiagge in 7 giorni!

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Ciao Paola, grazie per la considerazione! Nell’articolo comunque è scritto anche che la nostra base è stata sempre una. Non ci siamo mai spostati di alloggio e con noi c’era anche una bambina di 4 anni, quindi tutte le spiagge erano adatte a bambini!

  • Sara

    Che spiagge meravigliose! Una più bella dell’altra davvero. Io ho visitato solo la parte della Maddalena e di Arbatax ma conto di completare il giro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial