mare conero
Marche

Il Conero: una falesia bianca che si tuffa in un mare blu

Un monte verde, una falesia bianca e un mare blu. Questa potrebbe essere la descrizione della Riviera del Conero, ma è molto di più. Spiagge selvagge come quella di Mezzavalle e spiagge con tutti i confort come quelle di Numana e Sirolo. Sentieri di trekking sul Monte Conero ed escursioni in canoa alle Due Sorelle. Albe in spiagga perché no, con colazioni in riva al mare. E infine il suo oro nero: i moscioli. 

Per noi il Conero è casa, quindi scusate se non riusciremo ad essere oggettive!

Il mare della Riviera del Conero

Il Monte Conero racchiude tantissime spiagge e piccole calette, alcune famose ed affollate, altre più difficili da raggiungere e con poco turismo. Il Monte Conero è uno dei pochi promontori a picco sul mare che si contraddistinguono lungo la sabbiosa costiera adriatica. Proprio per questo un tempo era conosciuto da tutti i naviganti come punto di riferimento. Monte di nome ma non di fatto in quanto, essendo per l’appunto l’unico promontorio per chilometri e chilometri, venne soprannominato con tale nome, ma nella realtà è alto poco meno di 600 m dal livello sul mare. 

La Riviera del Conero è divisa tra il Comune di Ancona, Sirolo e Numana. Le spiagge del Conero si alternano tra luoghi attrezzati e dotati di tutti i servizi e aree quasi incontaminate come la Spiaggia delle Due Sorelle, o dove il tocco dell’uomo è appena percettibile come la Spiaggia di Mezzavalle.

Oltre le magnifiche spiagge, da non perdere la visita dei due paesini di Sirolo e Numana e godersi da lì il panorama sul mare. Per chi è appassionato invece di architettura romanica la Chiesetta di Santa Maria di Portonovo è un eccellente esempio di perfetta integrazione tra uomo e natura. Inoltre vista la sua posizione centrale è un perfetto punto di partenza per visitare tutte le Marche.

Sport sul Conero

Prendere il sole e fare il bagno in mare sono le attività predilette dalla maggior parte dei bagnanti, ma ci sono diverse attività da poter fare sul Conero.

A seconda del vento è possibile praticare windsurf e surf o, in presenza di mare calmo, affittare pedalò, sup e canoe. Proprio con questi due mezzi vi consiglio di arrivare alla Spiaggia delle Due Sorelle partendo da Portonovo. Oltre ad evitare gli affollamenti dei turisti che arrivano alle Due Sorelle attraverso la barca potrete anche fermarvi durante il viaggio nelle piccole baie e calette, come quella dei Gabbiani,  altrimenti irraggiungibile se non con la barca. Se il mare è piatto si raggiunge in un’oretta anche se non si è particolarmente allenati. 

Tutte le albe hanno in sé qualcosa di magico, ma vedere l’alba sulla canoa in mezzo al mare davanti alle Due Sorelle è qualcosa di surreale, come se si fosse isolati da tutto e tutti in completa pace con il Mondo. In alternativa si può ammirare l’alba dalla spiaggia della Vela e poi iniziare la giornata con una bella colazione in riva al mare.

Per gli amanti dello snorkeling e delle immersioni vi consiglio la zona attorno allo scoglio del Trave e dopo lo scoglio della Vela. Nel corso dei secoli sono affondati diverse imbarcazioni, la più recente a largo del porto di Numana segnalata da boe da sub. 

Per chi ama il trekking e la mountain bike sono presenti sentieri per percorrere il Conero: camminando attraverso questi percorsi sembrerà di stare in montagna e tutto ad un tratto ecco lì che compare all’improvviso il blu del mare. Alcuni di questi sentieri arrivano direttamente in spiaggia come il sentiero, breve ma molto ripido, di Mezzavalle. Si possono trovare tutti i sentieri presenti sul sito ufficiale del Parco del Conero.

L’oro nero del Conero

L’oro nero del Conero sono i moscioli. Cosa sono i moscioli?

Cozze selvatiche che crescono spontaneamente sugli scogli della Riviera del Conero. I moscioli vengono pescati e non allevati. Non a caso il Mosciolo Selvatico di Portonovo è un presidio Slow Food

Da non perdere i moscioli abbinati ai primi piatti, da soli come secondo, o come condimento sulla pizza stessa. Non potete andarvene senza averli provati. I moscioli non solo si gustano, ma mangiandoli si assapora il profumo di mare, un profumo che sa di libertà.

La Riviera del Conero è una perla del mare Adriatico conosciuta talvolta più dagli stranieri che dagli stessi italiani. Una meta ideale per coloro che amano sia il mare sia la montagna. Ammettiamo di non essere oggettive, perché il nostro cuore ci porta sempre lì e per questo lasciamo “parlare” le fotografie.

22 commenti

  • Lucia

    Che meraviglia! E pensare che ogni volta che scendo giù in auto da Padova a Lecce attraverso sempre queste zone. La prossima volta sarà quella giusta per fermarsi😉

  • Roberta

    Mi avete dato un’ottima idea per uno dei prossimi weekend! Conosco pochissimo la zona e, in particolare, sono attratta da Numana. E poi voglio la pizza con i moscioli!!

  • Alessandra

    Abito a circa un’ora dal Conero e devo dire che l’hai raccontato in una maniera molto accurata. E’ uno dei punti di forza a livello turistico delle Marche. Io lo amo soprattutto per le belle passeggiate che si possono fare nei suoi boschi a picco sul mare e per la bellissima Sirolo! Non vedo l’ora di tornarci!

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Sirolo è magnifica! Per ora sono riuscita solo a fare una passeggiata in riva al mare ma presto anche io tornerò a fare una passeggiata sul Conero 😍

  • Raffaella M.

    Quante opportunità offre il Conero, non sono mai stata da queste parti ma grazie al tuo articolo mi è sembrata una zona molto interessante. Inoltre da brava golosa non posso negare di essere stata colpita dai moscioli o l’oro nero del Conero. Non avevo la più pallida idea dell’esistenza di queste prelibate cozze, ho preso nota delle tue preziose indicazioni per una prossima vacanza. Grazie
    R.

  • Cla

    Che colori meravigliosi ha il mare in questa zona, non pensavo davvero. A volte si va tanto lontano, e poi… Io in questo momento vorrei teletrasportarmi lì!

  • Moira

    Stupendo il Conero! Ci sono stata diversi anni fa e ho ancora negli occhi il colore del mare della spiaggia delle Due Sorelle. Posto splendido! E poi il cibo! Ne vogliamo parlare! Adoro quei cubi di crema fritta che servono durante i pasti!! ADORO. Unico difetto? Per chi ha i “piedi dolci” come me non può andare in spiaggia senza scarpini, ma non è un problema, solo un’esigenza!

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Gli gnocchetti di crema fritta sono tipici marchigiani 😋 Chi non è abituato potrebbe avere un po’ di problemi con la spiaggia ma effettivamente con le scarpette si supera il problema 😉

  • Maddalena

    Sono stata nel Conero e più nello specifico a Numana moltissimi anni fa con la mia famiglia. Ho ricordi bellissimi sia di paesaggi che incontri fatti. C’è veramente molto da fare e ci ritornerei con piacere.

  • Eliana

    Più vedo la Riviera del Conero e più me ne innamoro! L’ho sempre detto e ribadito: le Marche sono stupende e sanno regalare emozioni davvero a tutti: agli appasionati del mare, a quelli della storia, a quelli del buon cibo, a quelli della natura. Insomma, una regione a tutto tondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial