spiaggia conero
Marche

Quale spiaggia del Conero sei?

Ogni spiaggia della Riviera del Conero ha la sua identità come chi le frequenta. A seconda delle proprie abitudini e del proprio carattere ogni abitante della Riviera del Conero ha la sua spiaggia del cuore, quella in cui andrebbe sempre! Le spiagge del Monte Conero sono molto variegate: si passa da quelle attrezzate con tutti i confort a quelle incontaminate, da quelle di scoglio a quelle di ghiaia finissima. Un’unica caratteristica che le accomuna tutte quante: il meraviglioso panorama della falesia a picco sul mare.  

“Rupi di Gallina” – Passetto – Spiaggia della Vedova

La Riviera del Conero è caratterizzata da una lunga falesia a picco sul mare. Il primo tratto, che inizia dal Colle Guasco dove si trova la Cattedrale di San Ciriaco di Ancona fino al Passetto, è soprannominato “Rupi di Gallina”. Degna di nota la spiaggia della Grotta Azzurra raggiungibile tramite un sentiero da poco rinnovato. Proseguendo verso la spiaggia del Passetto, riconoscibile per la sua immensa scalinata bianca sul mare, da non perdere la “Sedia del Papa”. Proprio la spiaggia del Passetto è facilmente accessibile tramite un ascensore a pagamento, attraverso la scalinata del Monumento ai Caduti o tramite sentieri. Le spiagge di questo tratto di costa sono principalmente scogliose, è fortemente consigliato l’uso di scarpette da scoglio. 

Tipiche di Ancona sono le grotte del Passetto. Strutture scavate dai pescatori nel corso dei decenni che si sono arricchite di decorazioni e servizi tanto da sembrare delle piccole casette sul mare. Ognuna diversa dall’altra, ognuna originale ed unica. Caratterizzano la costa con i loro colori e forme. Ogni “grottarolo”, ovvero il proprietario di una grotta, la cura con amore e passione. Si possono trovare le grotte dalla Grotta Azzurra fino alla zona della Scalaccia e della spiaggia della Vedova. 

In queste spiagge “cittadine” si può respirare Ancona a pieni polmoni. Il dialetto anconetano in ogni dove. Gli anconetani possono sembrare poco aperti e un po’ burberi inizialmente, ma non a caso c’è un detto che li associa alle crocette: duri fuori e teneri dentro.

Spiaggia del Trave – Mezzavalle

La spiaggia del Trave e di Mezzavalle sono un’unica spiaggia raggiungibile tramite due differenti sentieri. Uno più lungo e meno ripido che si imbocca lungo la strada che da Ancona conduce a Portonovo, e uno che collega i parcheggi sulla sommità alla spiaggia sottostante, più breve e ripido. In entrambi sono consigliate le scarpe da tennis. Il primo sentiero talvolta è inagibile e difficilmente si trova parcheggio nei dintorni. Il Trave si riconosce subito essendo fatto come un molo di scogli che si allunga sul mare. Sulla sua cima la Madonetta del Trave come monito alle imbarcazioni della presenza del basso fondale roccioso. Fino a pochi mesi fa era presente anche una struttura abbandonata e fatiscente legata alla pesca, che caratterizzata ancor di più il Trave.

Anche la spiaggia di Mezzavalle è libera, non sono presenti stabilimenti balneari, ma vi sono i servizi essenziali di bagni, docce e un piccolo bar-ristorante. Mezzavalle è ancora una spiaggia “selvaggia” e quasi incontaminata. Proprio per questo è consigliata per chi ama il mare dove la presenza dell’uomo è appena percettibile con un piccolo bar immerso nel verde ed è caratterizzata da una spiaggia di ghiaia fina.

Portonovo

Portonovo è una spiaggia sicuramente più accessibile con i suoi parcheggi a pagamento, stabilimenti e ristoranti in riva al mare che si alternano ad aree di spiaggia libera. Si contraddistingue per i suoi sassi bianchi levigati delle onde del mare, chiamati affettuosamente “i ciocci di Portonovo”. Per chi non è abituato alla spiaggia di sassi potrebbe essere un problema, facilmente superabile però con un paio di scarpette da scoglio. E’ raggiungibile tramite automobile o da Ancona centro tramite l’autobus della Conerobus 93 e 94.

Portonovo ha diverse spiagge e quasi tutte prendono il nome dai  bar/ristoranti storici presenti in quel specifico tratto. Si parte dalle spiagge di Ramona ed Emilia caratterizzate da spiagge di ghiaia grossa, proseguendo verso sud si trova la zona del Molo e delle Terrazze, dove si trovano i suoi caratteristici sassi bianchi, come anche alla Torre fino alla Capannina. Ultimo baluardo la spiaggia della Vela, riconoscibile per il suo scoglio che ricorda per l’appunto una vela. Se volete ammirare un’alba in spiaggia, è proprio qua che vi consiglio di andare. L’alba ha sempre qualcosa di magico, in particolare quelle sul mare.

La spiaggia delle Torre prende il nome dalla Torre De Bosis, un edificio originariamente difensivo del XVIII secolo ancora oggi abitato. Talvolta viene aperto al pubblico per particolari eventi culturali. Altra costruzione originariamente difensiva è il Fortino Napoleonico, oggi hotel di lusso in riva al mare. 

Da non perdere una visita della Chiesetta di Santa Maria di Portonovo. Uno dei più belli esempi di architettura romanica nelle Marche, immersa nel verde e con vista mare. 

Portonovo possiede diverse caratteristiche che lo fa amare da persone anche opposte tra loro. C’è chi ama il mare incontaminato e magari predilige orari poco affollati o i tratti più remoti di spiaggia, c’è chi non rinuncia a lettino ed ombrellone, c’è chi non rinuncia al lusso neanche in spiaggia e chi sta comodo anche disteso sui sassi, ci sono famiglie e gruppi di amici. Tutti rimangono però ammaliati dal panorama che li circonda. Nei weekend di luglio ed agosto Portonovo è quasi presa d’assalto, vi consigliamo quindi di scoprirla in mezzo alla settimana o nei mesi di giugno e settembre. Proprio per evitare affollamenti e rispettare le distanze di sicurezza per questa estate è obbligatorio prenotare in anticipo il proprio posto attraverso l’app iBeach nei giorni di sabato e domanica.

Spiaggia dei Gabbiani 

Spiaggia fa pensare a qualcosa di imponente, in realtà è una piccola caletta raggiungibile solo via mare. Un luogo così tranquillo e isolato dove spesso si riposano gabbiani e non solo. Una spiaggia ideale per chi ama il mare per se stesso e la natura incontaminata, rinunciando alle comodità

Non essendo presenti sentieri per raggiungerla, l’unico modo è con una barca privata, con una canoa o un sup. Consigliata come tappa intermedia prima di arrivare alle Due Sorelle.

Spiaggia delle Due Sorelle

Menzionata più volte tra le spiagge più belle d’Italia è un luogo dove la presenza dell’uomo è quasi impercettibile. A differenza della Spiaggia dei Gabbiani, è possibile raggiungerla tramite alcune barche che partono dal porto di Numana. Se siete un minimo atletici e pratici vi consiglierei di raggiungerla tramite canoa o sup, per evitare tutti i bagnanti delle barche. Con un mezzo proprio potrete decidere l’orario di arrivo evitando così la fascia oraria delle barche. Un tempo si poteva arrivare alla spiaggia delle Due Sorelle dal Monte Conero attraverso un sentiero a picco sul mare chiamato “Il Passo del Lupo”. Oggi è chiuso in quanto considerato troppo pericoloso da percorrere, ma si può ammirare la Spiaggia sottostante dal Belvedere del Passo del Lupo. 

Spiaggia Sassi Neri – Spiaggia San Michele – Spiaggia Urbani

Le spiagge che si trovano sotto il paesino di Sirolo sono principalmente tre, una di seguito all’altra. Tutte raggiungibili tramite sentieri immersi nel verde che discendono la falesia a picco sul mare; tra questi il sentiero principale parte dal Parco della Repubblica di Sirolo. In alternativa è presente un servizio navetta dal centro e da alcuni parcheggi a pagamento. Come a Portonovo anche in queste spiagge si ammira la maestosità del Monte Conero da vicino, ma la spiaggia essendo di ghiaia fine risulta più confortevole. Nella spiaggia di San Michele sono presenti stabilimenti e spiagge libere, mentre nella parte più meridionale della Spiaggia Urbani non perdetevi la grotta naturale presente!

Per l’estate 2020 nelle spiagge del comune di Sirolo sarà necessaria la prenotazione tramite l’app “Sirolo Spiagge”.

Spiaggia del Frate – Spiaggiola

La Spiaggia del Frate si riconosce subito per via del suo iconico scoglio. A pochi metri dalla riva si erige maestoso e imponente. Questa piccola baia tra Numana e Sirolo è raggiungibile attraverso un sentiero dal centro di Numana o via spiaggia dal porto di Numana. Proprio per giungere alla spiaggia del Frate, passeggiando sulla battigia attraverserete la Spiaggiola. Vicinissima al porticciolo, ma forse per via della sua conformazione con un’acqua spesso trasparente e cristallina, è un ottimo compromesso tra comodità e bel mare. I parcheggi sono relativamente vicini e con prezzi abbordabili. Inoltre oltre ai servizi degli stabilimenti e dei bar presenti è possibile fare lunghe passeggiate in riva al mare verso la vicina Marcelli.  

Marcelli – Porto Recanati

Le lunghe spiagge di Marcelli e Porto Recanati si sviluppano nella parte più a sud della Riviera del Conero e si caratterizzano da ampie spiagge di ghiaia fine dove si alternano stabilimenti a spiagge libere. Ideale per chi cerca un mare comodo e pratico, con attrezzature, servizi e parcheggi vicini, a discapito magari della trasparenza dell’acqua e del panorama attorno. Aree attrezzate per bambini, campi da beach volley, bar e ristoranti, ideali per le famiglie e per chiunque al mare voglia rilassarsi  con tutti i comfort senza problemi di parcheggio. Sullo sfondo a sinistra della spiaggia, vedrete sempre imponente la sagoma del Monte Conero.

Come tutti coloro che vivono vicino al Conero abbiamo anche noi le nostre spiagge del cuore. Per noi Portonovo e Mezzavalle hanno un posto speciale e se fosse per noi ci andremmo ogni giorno, estate o inverno che sia, perchè per noi è come sentirsi a casa. Per chi è nato in una città di mare la sua mancanza si fa sentire sempre. Tornare al mare è sinonimo di respirare libertà a pieni polmoni. 

E tu, in quale spiaggia del Conero ti rispecchi di più? 

22 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial