Spagna,  Europa

Sonorama Ribera: il famoso festival indie spagnolo

Se dici estate, dici musica! Se dici musica, dici festival! Soprattutto in Spagna, dove per tutta l’estate si svolgono festival musicali in tutto il territorio. Uno di questi festival è il Sonorama Ribera.

Il festival

Dal 1998 la cittadina di Aranda de Duero, a circa un’ora di macchina da Madrid, nella regione di Castilla y Léon, ospita un festival di musica durante quattro giorni del mese di agosto. Solitamente il festival si svolge la settimana precedente Ferragosto, dal giovedì alla domenica.

L’apertura ufficiale del campo ferial, l’enorme area che ospita i concerti sin dal pomeriggio fino alle prime luci dell’alba, è il mercoledì sera con la festa in maschera. Il festival è aperto ufficialmente da concerti di inaugurazione. Gli spettatori arrivano rigorosamente in maschera e il gruppo mascherato più divertente riceve un premio.

Dal giovedì gli artisti ospiti del Sonorama iniziano ad alternarsi tra i vari “escenarios” (palcoscenici in spagnolo) che si trovano presso tutte le piazze della città. Tra queste Plaza de la Sal, Plaza del Rollo e la piazza principale Plaza del Trigo dove ogni giorno alle 14 si svolge un concerto a sorpresa, di artisti molto spesso non annunciati precedentemente. Sui vari palcoscenici salgono artisti alle prime armi e artisti famosi, non lasciando agli spettatori nemmeno un minuto di silenzio. Spostandosi da una piazza all’altra si è sempre accompagnati da musica, che provenga dal palcoscenico più vicino o da qualche locale lungo la strada.

Aranda de Duero durante il Sonorama Ribera

La città si inonda di giovani! Sin da mezzogiorno girano per le vie accompagnati da cibi e bevande locali, che vengono serviti in ogni bar del posto. Croquetas (crocchette), pinchos de tortilla (uova, cipolla e patate), tapas (spuntini serviti con la bevuta), bocadillo de jamon y queso (panini al prosciutto e formaggio). Tutti spuntini che si possono acquistare con pochi euro e accompagnare con il buon vino locale, il Ribera, o con una più tradizionale cerveza spagnola. Le feste in paese sono completamente gratuite e non serve nessun biglietto per accedervi. 

Sonorama Ribera: il recinto

Al recinto, dopo aver passato il controllo bracciale all’ingresso, si hanno diverse opzioni musicali. Ci sono due palcoscenici principali e uno più piccolo. Inoltre c’è un tendone che si anima dopo i concerti con djs che si alternano per i più temerari che parteciperanno fino all’after party. 

La festa in paese prosegue fino a poco prima dell’orario di cena. Tutta la folla torna al recinto principale, che dista a piedi 15 minuti dal centro. Sempre dal centro, partono dei bus che percorrono la tratta centro-recinto per tutta la notte.

La zona delle street food

Oltre alla zona dedicata alla musica, ci sono diversi punti per ricaricare il denaro sul proprio bracciale e diversi bar dove poter ordinare da bere. Un’altra zona è dedicata allo street food con cibi di tutti i tipi. Di fianco è allestito un piccolo mercatino dove poter comprare i gadgets ufficiali del festival.

La zona del camping

Vicino al recinto c’è un’area camping attrezzata per ospitare le 30.000 persone che ogni anno raggiungono Aranda per il festival. L’area camping, dotata di tutte le attrezzature igieniche, ospita un altro palcoscenico e ha una propria area bar. L’accesso al camping ha un costo aggiuntivo di 6€ per tutta la durata del festival. 

Quanto costa il festival?

Il biglietto del festival varia a seconda del pacchetto che si sceglie e del periodo in cui si acquista. I biglietti vengono messi in vendita sul sito ufficiale mesi prima ad un costo ridotto, più ci si avvicina alla data dell’evento, più i costi aumentano. Inoltre c’è la possibilità di scegliere tra diverse opzioni: biglietto per tutta la durata del festival, biglietto di un solo giorno (il weekend è più caro) o di più giorni. Il mio biglietto sono riuscita a prenderlo con qualche mese di anticipo ad un costo di 55€ per l’intero festival. 

All’interno del recinto non vengono accettati né cash né carte. Ci sono posti dedicati alla conversione del denaro in sonos (1€=1sonos) caricati poi nei bracciali (gli stessi dell’ingresso). Potete ricaricare i bracciali quante volte volete. Con la vostra carta o con i liquidi, decidendo la cifra da inserirvi e che potrete consumare solo all’interno del recinto. I prezzi per le bevute sono leggermente più alti di un bar classico spagnolo. Per mezzo litro di vino o birra vengono richiesti 7 sonos.

Nell’area food del recinto, essendo i baracchini indipendenti dal festival, accettano denaro, ma attenzione perché la maggior parte accetta solo cash!

Il recinto chiude alle prime luci dell’alba, quando anche i dischi del tendone si interrompono. La festa però non si ferma mai. Per i più coraggiosi che si sentono ancora in forze di festeggiare, c’è il bar “Central” nel centro che segue con musica ininterrottamente fino all’inizio dei concerti del giorno seguente. 

Il concerto finale del Sonorama Ribera

La domenica, giorno di chiusura del festival, il concerto serale di chiusura dura fino alle 2 del mattino. Si svolge in quello che era il vecchio recinto ferial, un’area molto più piccola vicino all’attuale recinto. 

Il lunedì Aranda riprende la sua vita di routine. Senza concerti e senza folle di giovani che riempiono le sue piazze con battaglie di pistole ad acqua e musica. Il mio consiglio è quello di arrivare un giorno prima del festival o fermarvi un giorno dopo, per poter vedere la città con un’altra ottica, entrare ad ammirare la bellissima cattedrale e passeggiare lungo le sponde del fiume Duero.

Per me questo è stato il mio secondo anno ad Aranda per il Sonorama. Ogni volta mi diverto talmente tanto che sono spinta a partecipare a quello dell’anno successivo. 

Penso, infatti, che per me non ci sarà due senza tre!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial