marocco fai da te come organizzare il viaggio consigli pratici
Africa,  Marocco,  Mondo

Marocco fai da te: consigli pratici per organizzare il viaggio

E’ possibile organizzare un viaggio in Marocco fai da te? Si, ecco i nostri consigli pratici per visitare il Marocco in autonomia.

Visto e volo aereo

Il Marocco è ben collegato con l’Italia anche con compagnie aeree low cost come Ryanair. Non sarà difficile trovare un volo economico. Attenzione però che in Marocco non è possibile utilizzare biglietti elettronici ma è obbligatorio il formato cartaceo. Spesso molti aeroporti danno la possibilità di stampare il check-in in loco, ma conviene, se avete modo, stamparlo prima dell’arrivo in aeroporto per evitare inconvenienti. Per quanto riguarda il visto turistico per i cittadini italiani è gratuito e si fa direttamente in aeroporto senza dover chiedere nulla prima di partire e la sua durata massima è di 3 mesi. Il passaporto deve avere una validità residua di almeno 6 mesi. Quando siamo stati in Marocco era ancora vigente l’obbligo di una dichiarazione sanitaria da sottoscrivere che poteva essere compilata prima della partenza o direttamente all’arrivo. 

Addio carta! 

Durante un viaggio fai da te in Marocco salutate pure la vostra carta di credito! Quasi nessun ristorante, agenzia locale o riad la accetterà, ma sarà sempre richiesto il pagamento in contanti. I pochi che accettavano la carta ci chiedevano un “interesse” aggiuntivo del 10% dell’importo da pagare. La moneta del Marocco è il dirham marocchino ed 1€ vale circa 10 dirham. Tra i consigli pratici per organizzare un viaggio fai da te in Marocco non può mancare quello di portare con voi degli euro in contanti in quanto spesso vengono accettati al posto dei dirham marocchini. Fortunatamente come sempre all’esterno ci arriva in soccorso la nostra carta prepagata Revolut per ritirare dai bancomat con il cambio ufficiale e senza commissioni aggiuntive. 

Dove dormire in Marocco: riad e dar

Vi consiglio di non dormire in hotel ma di scegliere riad e dar all’interno delle medine. La medina è il centro storico, la città antica ricca di vicoletti, negozietti e spesso recinta da mura. I riad e i dar sono le abitazioni tipiche marocchine della medina, i primi con un giardini interno i secondi con un cortile interno. Non sono presenti finestre sull’esterno sia per mancanza di spazio sia per preservare la riservatezza delle donne di casa. La poca luce delle camere proviene dal cortile o giardino interno. Al vostro arrivo verrete quasi sempre accolti con una buonissima tazza di tè alla menta. Non sono presenti molte camere e spesso sono a conduzione familiare.

Proprio i proprietari di casa di riad e dar in Marocco vi potranno dare dei consigli pratici su cosa visitare, dove mangiare e su eventuali agenzie locali. Anche in Marocco come in Italia in alcune città si deve pagare la tassa di soggiorno

Come spostarsi in Marocco

Se state pensando di organizzare un viaggio in Marocco fai da te oltre a stabilire un itinerario di viaggio tra i consigli pratici non può mancare come muoversi. Potete decidere di noleggiare un’auto o di utilizzare i mezzi pubblici. I treni si trovano solo nella parte più settentrionale del Paese ed esiste anche la linea ad alta velocità TGV. La restante parte dovrete visitarla con gli autobus delle compagnie Supratours e CTM. Sono comodi e funzionali e i loro biglietti sono una delle poche cose che si possono comprare online pagando con la carta senza doverli stampare. Certo spesso non vi sono molte indicazioni sul web e una volta ci è capitato che fosse indicata male la posizione della stazione di arrivo all’interno della città stessa.

Viste le distanze enormi tra il nord e il sud si potrebbe pensare anche di utilizzare un volo interno in quanto ce ne sono diversi dell’AirArabia a prezzi contenuti. In alcuni casi ci siamo affidati ad agenzie locali per visitare alcuni luoghi nei dintorni di Fes e per andare nel deserto. Le agenzie locali sono più economiche di quelle online, ma talvolta sono meno organizzate…tocca sapersi adattare e abituarsi ad una guida a dir poco sportiva!  

Come vestirsi in Marocco

Tra i consigli pratici per organizzare un viaggio in Marocco fai da te è importante sapere che abiti portarsi in valigia. Rispettare la cultura del luogo che si visita è fondamentale sempre, il Marocco è un paese islamico per questo vi consiglio di  evitare abiti succinti o provocanti se siete donne. Niente shorts o vestiti corti e scollati per non sentirsi osservate o fuori luogo. Vi consiglio abiti leggeri e lunghi che vi proteggeranno dal sole. Immancabile un cappello e comode scarpe da tennis! Infine una pashmina sempre in borsa da poter mettere sulle spalle in caso di evenienza. 

Viaggiare in Marocco è pericoloso?

Personalmente non ho trovato il Marocco un Paese particolarmente pericoloso, anzi spesso è presente molta polizia e mi sono sentita sempre tranquilla. Certo bisogna stare sempre attenti, come un po’ dovunque d’altronde. Soggiornando nella medina anche di sera ci si sente tranquilli, chiaramente sono da evitare vicoli poco illuminati o troppo isolati. Il popolo marocchino è accogliente e gentile, ma spesso lo fa per un tornaconto. Anche per dare una semplice indicazione vi chiederanno una mancia. Ci saranno dei bambini che vengono “utilizzati” per vendervi qualsiasi cosa, guide abusive e venditori insistenti. Tranne che nei ristoranti spesso non vi sono indicati prezzi, ma c’è campo libero alla contrattazione.

Il lato più negativo del nostro viaggio fai da te in Marocco è stata proprio la sensazione di sentirmi spesso un “bancomat con le gambe” più che una persona. Soprattutto nelle zone e città più turistiche, come nel deserto o a Marrakech, ho trovato molta finzione fatta ad hoc per i turisti. Oltretutto talvolta sembra proprio che si incentivi le guide amatoriali in quanto non sono mai presenti indicazioni per aiutare i turisti su dove sono ubicati i luoghi di maggiore interesse. Sono riuscita a scorgere la vera essenza del Marocco in luoghi meno famosi e più autentici.   

Bene, ora che avete letto i nostri consigli per organizzare un viaggio in Marocco fai da te non vi resta che stilare un itinerario di viaggio e scoprire cosa mangiare di tipico. Ecco il nostro itinerario di 10 giorni in Marocco da nord a sud e il nostro articolo sulla cucina marocchina!

27 commenti

  • Lucia

    Concordo pienamente con te il Marocco o perlomeno le one più turistiche non è pericoloso ma anch’io spesso mi sono sentita un bancomat che le gambe perchè molte cose che fanno vedere sono pura finzione per turisti. Ad esempio le cpre sugli alberi ma anche il deserto di Agafy. Sicuramente ci tornerò ma vorrei vedere zone più reali.

  • Bru

    Ero stata in Marocco nel 1997 e mi aveva conquistato per la bellezza dei suoi paesaggi e della sua gente, ci sono tornata pochi anni fa e ho trovato un paese completamente diverso, soprattutto la gente meno accogliente e gentile, penso che non ci tornerò mai più

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      La bellezza dei suoi paesaggi è indiscutibile, purtroppo, credo essendo divenuta una meta straturistica, ho trovato molta difficoltà a distinguere la reale gentilezza ed accoglienza dalla finzione e da secondi fini

  • Lara

    Ma veramente nulla da fare con la carta di credito? Ma che peccato, io sono ormai quella che non preleva mai. Grazie per averlo indicato ne terrò presente!

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Dipende chiaramente dal livello delle strutture e dei ristoranti, noi abbiamo scelto principalmente riad e dar con ottime recensioni ma di medio livello dove non è stato mai possibile così come con l’agenzia locale con cui abbiamo partecipato ad alcuni tour. Al massimo ci chiedevano una “maggiorazione” del 10% sul prezzo rispetto a quello in contanti

  • Annalisa Trevaligie-Magazine

    Un paese che mi ha sempre affascinato, ma anche allontanato. Forse per la sua cultura e per il poco rispetto che nutrono per gli animali. Comunque un posto che va visto almeno una volta nella vita. Seguirò i tuoi consigli quando arriverà il momento..

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      E’ un Paese che provoca emozioni contrastanti, ho assistito a scene “discutibili” non solo con gli animali ma anche con le donne in generale. Sicuramente una cultura profondamente differente dalla nostra

  • Mimì

    Sul Marocco, con me, sfondi una porta aperta: lo adoro, letteralmente! E hai perfettamente ragione: è un Paese molto accogliente e adatto per un viaggio on the road!

  • Teresa

    Sono stata in Marocco qualche anno fa e mi è piaciuto moltissimo. Onestamente non ho mai avuto la sensazionde di essere un bancomat da spremere, e anzi mi è sembrato che la gentilezza dei marocchini sia autentica. La situazione è molto peggiore di Tunisia, dove sono appena stata, dove si inventano di tutto per spillarti due soldi!

  • Paola

    Il Marocco è uno dei paesi che vorrei tanto visitare! Follia, però, che in un paese così turistico non ci sia la possibilità di usare sempre le carte di credito!

  • Martina Currà

    Il Marocco è assolutamente in cima alla mia wish list di paesi da visitare, così vicino all’Europa (soprattutto alla Spagna dove vivo) ma così lontano culturalmente parlando…dev’essere affascinante!!!Si, si e si prima o poi ci andrò anche se mi tratteranno come un bancomat con le gambe 😉

  • Elisa

    Non sono ancora stata in Marocco, ma mi piacerebbe visitarlo! Leggo con dispiacere l’ultimo paragrafo, è un peccato che l’ospitalità e la gentilezza abbiano un prezzo. Io sono abituata ad andare in Grecia dove ti regalano frutta per merenda o ti portano una torta appena sfornata o offrono di spingere il passeggino per lasciarti mangiare tranquilla al ristorante…

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Sicuramente non è come in Grecia, ma magari sono stata “sfortunata”. Già nei luoghi meno turistici ho trovato molta più accoglienza spontanea

  • Libera

    Io il Marocco ce l’ho nella mia lista, spero di andarci l’anno prossimo. I tuoi consigli mi faranno sicuramente comodo perché i viaggi li organizzo sempre da me.

  • Enrico Mandelli

    Ciao, invece noi stiamo pensando di partire da domenica 3 a venerdì 8 dicembre (5 notti).
    L’idea è di atterrare a Fes e ripartire da Marrakech facendo, con auto a noleggio, questo itinerario: Fes – Meknes – Ilfrane – Azpo – Midelt – Tinghir – Amridil – Ourzazate – Ait Ben Haddou – Marrakech: pensi sia fattibile? Google Maps mi da 925 km in totale
    A tuo parere riusciremo a farci un’idea del “vero” Marocco?
    Nel tragitto previsto c’è la possibilità di un’escursione nel deserto con notte tipica in tenda?
    Grazie mille e complimeti
    Ciao
    Enrico

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Ciao Enrico! Diciamo che tutto è fattibile, ma secondo me forse c’è un po’ troppo carne al fuoco per solo 5 notti soprattutto se pensate di fare una notte in tenda (noi siamo stati a Merzouga). La parte di Marocco che più ci è piaciuta e che abbiamo sentito più autentica è stata la zona di Ourzazate e Ait Ben Haddou. Il tragitto tra Fez e Marrakech ha panorami mozzafiato! Se hai bisogno di altre informazioni chiedici pure😊

  • Andrea

    Ciao! Stavo pensando ad un viaggio on the road in Marocco (tutto ancora da organizzare) con macchina a noleggio. Ho solo un dubbio…questo tipo di viaggio è adatto ad una coppia oppure nasconde qualche pericolo? un saluto 🙂

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Ciao Andrea, noi non abbiamo noleggiato l’auto ma si può fare senza problemi. Le strade le abbiamo trovate sicure in generale. Ti sconsiglio di guidare nelle grandi città, molto caotiche, ma nella parte sud (da Fes a Marrakesh passando per il deserto ad esempio) guidando è il miglior modo di scoprire i panorami e le cittadine. Sul nostro blog trovi altri consigli utili per organizzare il viaggio in autonomia!

    • trottoleinviaggio@gmail.com

      Ciao Giorgia, in generale io mi sono sempre sentita sicura. Non ho noleggiato l’auto ma fuori dalle grandi città il traffico non c’è, ci sono in compenso molti posti di blocco. Non credo cambi molto due donne alla guida, certo in alcune occasioni in quanto donna mi sono sentita “ignorata”. Ad esempio parlavamo sempre con il mio compagno invece che con me, ma in generale sono abituati ai turisti e alle turiste.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial